VogliaDiFragolaHOM


Una ragazza al Gusto Fragola.

La ragazza


Se dico 
Gusto Fragola. cosa vi viene in mente? Il gelato, vero? Anche a me a dir il vero e é per questo motivo che ci ho messo così tanto a decidermi che fosse il nome giusto. ...

continua a leggere...

cascate Vittorie slider


Due trentine su una Polo alla conquista dell'Africa.
I luoghi

Due ragazze, un mese di viaggio, quasi 7000 km percorsi su una piccola Polo, la nostra fedelissima compagna d'avventura che nonostante mille imprevisti, strade a groviera e ...

continua a leggere...

 

keyhole slider


Affare fatto! Che ci sarà in quel box?
La ragazza

Qualche giorno fa mi sono messa a leggere un libro che promette di trasformarti in un'esperta di uomini: esatto, una di quelle che sa come chiedere le cose e per questo le ottiene ...

continua a leggere... 

Affare fatto! Ma che ci sarà in quel box?

keyhole

Qualche giorno fa mi sono messa a leggere un libro che promette di trasformarti in un'esperta di uomini: esatto, una di quelle che sa come chiedere le cose e per questo le ottiene indipendentemente che queste siano il diamante del "si" o di occuparsi dei piatti sporchi nel lavandino. In realtá non mi sento di dire che tutto questo si possa imparare leggendo un libro e voilá, finalmente è ai vostri piedi e basta scocciature. Una cosa, però, devo ammetterla: mi ha fatto riflettere tanto su di me e sul mio modo di pormi

Si legge un po' ovunque di ragazze e donne che si lamentano della figura del principe azzurro raccontataci da troppe favole che ci ostiniamo a rincorrere o aspettare. Da un lato tutta questa cosa non fa che agevolare tutti gli uomini abbastanza furbi da trarne vantaggio e dall'altra ci rende esigenti su alcune cose e cieche su altre. In fondo anche tra di noi donne, diciamocelo, non é che ci sono solo principesse, di conseguenza nemmeno tra gli uomini. Ci sono però quelli che si fermano a pensare a quale sia il loro valore e si comportano di conseguenza. Questo è decisamente un problema con cui é ora che mi metta a far i conti: se sono la persona meravigliosa e di valore che credo forse dovrei smettere di far saldi tutto l'anno.

Questa cosa mi fa venire in mente quella trasmissione tv dove fanno le aste sui box: un gruppo di compratori puo' aggirarsi all'interno e guardarsi intorno per poter decidere quanto sono disposti a spendere per averlo. Tutto ovviamente dipende da quanto credono di guadagnarci poi rivendendo ciò che vi é all'interno da quello che hanno potuto cogliere con un solo sguardo: magari il meglio é nascosto in un baule, o forse si tratta di pezzi contraffatti ma tutto questo lo si puo' scoprire solo alla fine, dopo avergli attribuito un valore e pagato. In fondo non siamo un po' tutti noi come dei box pieni di cose vecchie e nuove, di valore e non, interessanti o no? Sta nell'occhio di chi guarda attribuire un valore a quanto raccogliamo in noi e darsi il tempo di guardar in ogni cassetto, sotto ogni telo per capire se si è fatto un buon affare o meno. Darsi un valore vuol dire stabilire la base di partenza dell'asta e quanto più la terremo bassa, tanto più chi dovrá acquistare penserá di trovare solo delle cianfrusaglie.

Un amico qualche settimana fa mi ha detto: "a nessuno piacciono le donne in saldo", da allora non faccio che pensarci e ripetermelo in testa ogni volta che sono sul punto di mandar un messaggio a chi mi ha trattato come un pezzo dozzinale da mercato. Io non sono in svendita, assolutamente, ma effettivamente se continuo a propormi a chi non capisce il mio valore pensando che una volta acquistata le cose cambieranno, beh sono un'illusa. Nessuno ripone la sera nella sua scatola, dopo averlo lucidato per bene, l'orologio preso nel Topolino, mentre lo fa con un Panerai o un Rolex

pantiesUn'altra cosa con cui mi trovo abbastanza d'accordo con questo libro é che "il tuo giorno no, potrebbe esser quello si di un'altra". Tornando alla metafora del box, se questo é ricoperto di polvere e robaccia, difficilmente apparirà splendido splendente. Così ho preso tutti i cassetti del mio armadio e li ho rovesciati sul pavimento del soggiorno e passato al setaccio ogni singolo pezzo. Così mutande di Snoopy e pigiami rosa di flanella sono arrivati nella borsa delle donazioni per lasciar spazio solo a pizzi, sete e qualsiasi cosa sia in grado di farmi sentire splendida e non importa se nessuno arriverá a sbirciarmi sotto la gonna. É completamente psicologica questa cosa ma quando mi guardo allo specchio mentre infilo i jeans e vedo l'effetto che quella brasiliana fa sul mio sedere, beh, si, mi sento bellissima, sicura di me e si prospetta un giorno "si". In questo spoglio ho trovato cose bellissime mai indossate, rimaste li ad aspettare magari per anni un'occasione speciale: cavolo, io sono la mia occasione speciale ogni giorno, come posso pensar di esser quella di qualcun altro altrimenti? 

Ora il mio box é lucido, in ordine e con un meraviglioso profumo di rosa bulgara, le cose più belle e preziose ordinate nei cassetti e potranno esser scoperte da chi si dedicherá alla trattativa con tanta passione da aggiudicarsi il pezzo. Voglio vedere il sudore, la determinazione e la passione: voglio sentirmi il pezzo unico che sono e allora si che sarò pronta ai compromessi.

Non é sempre facile aprirsi con gli altri, o lo facciamo troppo velocemente rischiando di spaventare o far perdere l'interesse all'altro, o ci mettiamo troppo tempo e rischiamo di far credere che non ci sia proprio nulla di interessante in noi. Quali siano le giuste tempistiche proprio non lo so, le sbaglio praticamente sempre in un modo o nell'altro ma di sicuro più sforzo é servito per arrivar fino li, più energia e impegno verrá messo per dar un senso a tale investimento.

L'ultima cosa che mi sento di condividere da questo libro é l'importanza di imparare a mollare il colpo: come i nostri uomini ci mettono un secondo a passare alla prossima, ragazze possiamo farlo anche noi. Il mondo é pieno di individui del sesso opposto e se quello che abbiamo trovato non va bene, non ci fa sentire come dovremmo, invece di ostinarci cercando di farlo cambiare o aspettando che lo faccia da solo, passiamo al prossimo. Parlo ovviamente di cose importanti, non di tubetti di dentifricio lasciati aperti o le mutande piegate in due anziché in tre: ma come, ad esempio, il non rispettarci, il darci per scontate, la mancanza di attenzioni o il non farci sentire la meraviglia che siamo.

Basta rincorrere uomini che non ci richiamano, che ci umiliano o che semplicemente non sanno guardarci e apprezzarci: per affrontare la quotidianitá ci serve un alleato, non un nemico e allora si che sará "affare fatto"!

 

riferimenti:
Il libro é Tu lo fai girar, di Steve Harvey- se lo avete letto o lo leggerete ditemi le vostre impressioni!
Il programma tv é Affare fatto, trasmesso da DMax

 

 

Magari ti può interessare anche:

 

10 motivi per cui gli uomini dovrebbero tagliar la barba.
10 motivi per cui sono felice di essere single
Una ragazza Gusto Fragola

 

 

cover Polo

cover Namibia

cover viaggi

cover tita